Herman Medrano

And The Groovy Monkeys

Noseconossemo

01. Noseconossemo

02. Osa

03. Superebete [Feat. Caparezza]

04. El peo [Feat. El Giovanelo]

05. Ciche

06. Ombre [Feat. Roy Paci]

07. Naltra Venessia [Feat. Sir Oliver Skardy]

08. Oooh [Feat. Manu PHL]

09. Sito fora [Feat. Natalino Balasso]

10. Su e man [Feat. Dellino Farmer]

11. Extra extra

12. Mi no so [Feat. Piotta]

13. Ogni finto

14. Fantasmi [Bonus track per iTunes]


Descrizione

Noseconossemo è il primo album di inediti in cui le rime di Herman Medrano si incontrano e si arricchiscono del sound fresco dei Groovy Monkeys, dando vita ad un mix di sonorità assolutamente originali.

L’album vanta la partecipazione di numerosi ospiti: Caparezza, Piotta, Roy Paci, Sir Oliver Skardy, Natalino Balasso, Mnu PHL, Dellino Farmer e El Giovanelo. La combinazione di personalità uniche, che duettano con Herman nella loro lingua locale, arricchisce di sfumature linguistiche i brani, rendendo questo progetto unico nel suo genere.

In Noseconossemo si mescolano lingue e musiche diverse, narrando quanto sia fondamentale la conoscenza di noi stessi, delle persone che ci circondano, della nostra storia e del nostro territorio. Ogni brano porta in sé un tassello dell’enorme bagaglio di non conosciuto ed inaspettato che emerge proprio da noi stessi, dal nostro intimo e dal vivere quotidiano.

Registrato da Maurizio Baggio presso l’Hate Studio di Rosà (VI).
Mixato e masterizzato da Cristian Milani presso il Solo Studio di Vercelli.
Pubblicato nell’aprile 2013 sotto La Grande Onda, distribuito in Italia da Audioglobe.

Leggi i testi

Noseconossemo

 

 

Eà conoscensa xe a to disposission, xe par ti, ma non xe tua

Ghe xe le ris-cio che trovi eà verità, mejo saria rivare preparà

Ben oltre e nostre superficiaità ghe xe altro che un mondo, sito pronto?

Eà conoscensa conporta dee grandissime responsabiità

 

~ Rit. ~

Dai che ‘ndemo, e robe canbia se canbiemo

No xe che no te o se, xe che no se conossemo

Mi co mi, ti co ti, mi e ti col pi semo

Pi semo interconessi e pi se conossemo

Ma se col seco semenemo e no se ne curemo

No xe che no te o se, xe che no rancuraremo

Che soeo se savemo e trasmetemo se salvemo

No – se – conossemo!

 

Ehilà, te me ghe visto, scoltà

Ma na roba xe un quadro naltra un fojo spotacià

Come senpre no go maestri, santini o eroi

A xente che stimo no ga el muso xe sora i francoboi

Franco, buto xo un mureto de ilusion

Ma co passo ae conclusion, no cato che deusion

No senpre vestire l’armadura xe conveniente

Co se va a fondo se va pi veocemente

Pronto, so Medrano e desso rivo co a band

The Groovy Monkeys, yes yes, zio ken

No ghemo paparassi, un fià de cagacassi

Ga veri cassi chi lancia sassi contro i lanciarazzi

Tacà eà realtà, la assumo legalmente,

In realtà eà realtà xe realmente stupefacente

No manca strumenti e anpie menti

Ma tuti voe canbiare sensa fare canbiamenti

 

Xe na nemesi, se sente meno se co semeno te meno

Nel to canpo dee ipotesi?

Buto el giusto humus, vangheto e speto

Un tenpo pal rosso e uno pal biancheto

L’aconto, el conto, el rendiconto,

Ritento ridendo te a conto tanto par rendarte conto

Se conossemo poco, forse e scarsee

Forse se pensa ad altro co se pensa ae buee

Pronto so el to fegato, parlo a nome de l’intestino

Dime sito mona e proprio cretino?

Stomego e pancreas fa el lavoro del mueo

Se no te i conossi i toe pal cueo!

Mi so goeoso, go fame de conoscensa

Bramoso de roba diversa, serta roba no me intaressa

So qua par dite e par date, ma i dati che t’o dato

Ti li deto in dote a dee persone adate?

 

Convinsion? mah, no xe peso e convension?

Condission sensa scelta quindi in fondo costrission

Semo dentro un mecanismo maedeto

E anca ti te si in rete, si, so eà rete del leto!

Esausto, esasperà da sta situassion esamino

Esanime, no so stare stare al xogo dei sens’anime

Xente, sensa memoria, quindi sensa storia

Sensa dubio sensa un senso, in serca soeo de gloria

Pronto, so a to vita, ciapa dee decision

Se no te te decidi o fasso mi, goldon

Comissia dal poco, date na priorità

Te ghe confuso l’equiibrio co l’imobiità

Soprafati dal costante, dal circostante

E dae circostanse circa el costo del contante

E xe persone conposte, che no se conforma

Dito sul serio? mi me pare che i dorma

Osa

 

 

~ Rit. ~

No trovar na scusa, sara co sta roba

Xoga, no restare in posa, osa

Vivi, prova, meti in pratica roba nova

Rancura anca poco ma che sia roba bona

No trovar na scusa, sara co sta roba

Xoga, no restare in posa, osa

Vivi, prova, meti in pratica roba nova

Rancura roba tua ma che sia roba bona

 

Co me stresso bevo clinto e resto duro come un plinto

Rido come uno col sarveo de Paris Hilton

Insistente insisto, teefono a “Chi l’ha visto?”

Domando se qualcuno ga trovà sto Gesù Cristo

Secondo mi el se ga sconto xa da un toco

Nominà da sti qua el xe incassà e gnanca poco

E in fondo lo capisso, co me also e reagisso

Mi no vago a trans mi vago a transistor

Mi no fasso bans, mi fasso anaisi

Vado fin in fondo, fin a Punta Raisi

L’Italia xe rigida, unquò no a ga cagà

L’italian xe cussì stitico che ghe spussa el fià

E no so se chi che scolta serte robe po le sente

Ste frequense xe frequentemente chiuse a serta xente

No so come co me ostino ostento un sorisino

Ma tento che se stresso mi te stendo quando rimo

 

Co me stresso so pesante e fasso un saco de domande

Come un finansiere co a to scheda carburante

Co fantasia e ingegno, mi no me rassegno

Senò sarìa un furbo come queo co a stua de legno

A mi no me ne frega del vescovo che diga

Cossa fa el capean quando che el ghe tira

Ma el me diga chi e dove e come i ga investio

I schei de quei che ga conprà el perdono de sto Dio

De sta entità rapresentà da un omo soeo al mondo

Vista da nissuni, a mujere de Coeonbo

Na roba antropomorfa, tipo un omo instàbie

Ciapà dae so rabie e dal ricato fassie

Sordo, sconto e che se fa pregare

Na luce nel tunel, mi sento soeo sbajare!

A luce del tunel? verxi i oci par capir

Che forse no te ciapi in muso el muso del tir

 

No me calmo co l’iperico, ogni testo xe poemico

I mete a dura prova el me aparato sfinterico

Li stresso, penso streto, spesso rivo e porto el mio

So che posso e li sconvolgo, mi me o porto drio

Sensa nessuna logica, roba da sganassade

Sponsorixài “No Limits” nea gara dee cassade

L’enesimo pensiero pessimo

Ma no posso fare pexo dea legaixassion del cristianesimo

 

Mi no te incito, casomai te istego

No restare un mistico pa restare integro

Go un Dio par conto mio, te o ghe riconossuo?

no xe queo co a barba, queo xe el tuo!

Superebete [Feat. Caparezza]

 

 

Questa è una missione impossibile…

è una missione per Superebete! Solo lui ce la può fare!

Chi salverà la repubblica? Ma chi è Superebete?

 

~ Rit. ~

Di – a – da – in – con – su – per – tra – fra

Superebete, sè! Superebete, sè sè!

Di – a – da – in – con – su – per – tra – fra

Superebete, sè! Superebete, sè sè!

 

Sensa manteo Superebete conpare

Sensa pare, Superebete xe pronto a conprare

Sensa contare e tesserine pa i sconti

Risponde a sondaji asurdi e fa tute e racolte punti

Ghe xe crisi economica, Superebete intervien

Ga l’armadio che xe stra pien, ma sta giaca ghe sta ben

Sensa gnanca fare reclan Superebete te juta

Comerciante soridente, missione conpiuta

Vara fora, el tenpo che dise: mona, sta casa

Ma vara che roba strana Superbete se gasa

El ga na mission da conpiere, in paroe povere

Un amigo carossiere e un parco machine da ronpare

 

 

Superebete, no! Superebete, savemo che te si bon!

Ma non lo staeo fare! Superebete, te prego… assa stare!

Superebete, no te ghe gnente da dimostrare!

 

Super, miga queo che te te speti

Organizemo un scherso e se ghe xe iù i xe dispeti

Superebete sa xa tuto e ti no te ghe parlà

E de soito fa de tuto e come lo fa xe xa sbalià

Superebete super top, ‘nzim a chicc e cocc

Sop alla statal, dmenica metain fa la cot p l’Ipercoop

Chiù fighett du 8 a copp c la bombolett “kill the cop”: accit u sbirr

Po’ ‘ng frecn u “Si” e ve a chieng a l carabnir, mir!

 

 

Dove si trova Superebete? Qual è il suo nascondiglio segreto?

Superebete è in ogni luogo… Superebete è in ogni tempo!

 

Famm vev, ca mo ven Superebete u imbegnet

Muscl abbtat, sollevesh nu sacc d puttenet

Quenn parl d politc o d pallon, scappatinn

Fall nu spaccadint, allassue murt ‘nderr ind o mentidd

Ce n’emmé fa d Superman, Superebete nen ten

Raggi X me fiss tott r super menn

è chiù regn d Spiderman, s la cret ind all’Avengers

E po s fasc mett r pit mbaccie p nu marengen

El peo [Feat. El Giovanelo]

 

 

«El xe senpre el soito pensiero fisso, ero?»

«Cossa vuostu fare…»

«Anca ti ero?»

«Ehhh, ti ha el tatuagio sul servelo, robe grande!»

«Ah, ma me domando, ma… come xe possibie, senpre e soeo che queo?!»

«Ehhh, bambin mio…»

«Un ciodo!»

«Un ciodo… ghe l’ho de tola mi, sempre!»

 

~ Rit. ~

Quanti che ghe pensa, e pensa soeo a queo

Che pensa e ripensa te ve via col sarveo

Quanti che a sto mondo ghe piaxe el peo

Alsa la man chi ghe piaxe el peo

Quanti che ghe pensa, e pensa soeo a queo

Che pensa e ripensa te ve via col sarveo

Quanti che a sto mondo ghe piaxe el peo

Alsa do man chi ghe piaxe el peo

 

Senpre a stessa porta e xe giorni che busso

E i giorni che gusso xe deventà un lusso

Pi carico de un musso quando seguo el flusso

Co la vedo pulso e spusso da capusso

In fondo mi no vojo fare l’omo mai domo

Par finire so chel ramo del lago de Como

Co xe sera fasso Yomo e seto quanto mejo dormo

Ghe penso, so colmo, fumo metri de Pall Mall

Ma capita che anca stando tenti se sgara

E come so na gara dee volte se sbara

Te cati na boara pi unica che rara

Che te ghe disi “cara” e sta cagna te spara

Momenti che no te pensi a quanti se a ga fata

Momenti sensa sentimenti, se contrata

E dopo se se cata che un poco se se grata

Sta gata xe sta gata se par poco no te a ga data

 

Me la sogno anca de note e finalmente su rivao

Ciao, t’ho vista in giro a la xioba al mercao

Su un mondo romantico, la tegno anca per man

Stasera andemo in diga e vardemo el Ca’ Roman

Co la bici eletrica andemo in lungo mare

Vien co mi in spiagia che te fago sognare

Mi pesco in porto co le canne sempre in fitta

Vien xo in barchin che te dago mi na dritta

Capane, spiagia e xo co i biceri

Mi su un mondo avanti, doman me pare geri

Soto el sole, Ceres, astu sen?

Vai xo de spriss, te vogio un mondo ben

Mi so a posto, no lasso ciodi

Te regalo roba nova parché so che ti te godi

Te fasso in mente, no vorave te insorisse

Xe che me piaxe el pelo e cavarme certe spisse!

 

Serata decisiva, jeans e camisa

Ea xe na diva, qua no se inprovisa

Mi me credo figo ma da drio sento risa

El problema xe che éa xe na tipa condivisa

In disco so un capo, go fato come Lapo

Fato come un caco, dove ciapo ciapo

Eà prima che cato qua no ga scanpo

Ma prima me sento un lanpo e desso go un cranpo

Xe un caldo imondo, suo che so bonbo

Soto el globo co na strobo come el re del mondo

Baeo come in Congo, mejo se me scondo

Se una me vede de serto no me a tronbo

Rincaso con flema, man che no se ferma

Odore de suòre che sa da pachiderma

Sercando na conferma pa sciogliere el dilema

Tanto pa sfogarme go fato un fià de scherma

Ciche

 

 

Gheto na cica? No… dai dai dai! Dai, no sta… no sta fare schersi!

Gheto na cica o no?? Ouh!! A gheto o no?!

 

~ Rit. ~

Ciche, no se poe stare sensa

E ciche, almanco quee in vacansa

E ciche, che sensa no so bon de stare

Na cica destirà soto el soe al mare

Ciche, no se poe stare sensa

E ciche, almanco quee in vacansa

E ciche, pitosto sensa i panini

Che in spiaja no ghe xe miga i tabachini

 

Co jero bocia i mii me portava senpre al mare

Par ciapare l’aria bona, pal soe e par noare

Me mare co a sporta, sugamani e onbreon

Me pare mi par man, lu e ciche, mi el baeon

E quando xe sta ora de l’età del motorin

Co i amighi tuti al mare, ognuno col so acendin

Piassai vissin na docia, e tose salta a sabia scota

Al’onbra dea cabina bira in man e cica in boca

 

Mi no go el vissio, ghe moeo quando vojo

So bon de stare sensa do minuti de reojo

Me sento, bireta fresca, cica e quatro ciacoe

Anca fora dal bar desso i me ronpe e scatoe

Recini, gome, ceroti sora il brasso

Grupi de ascolto dove mi no me rilasso

Lo fasso pa i fioi, e pal me mal de pansa

Me mojere me spedisse tuto l’ano in terassa

 

Qua sentà al bar buto un ocio ae scoeadure

So qua che speto el turno par fare e sabiature

Fin che speto fasso su, e buto un ocio ae boce

Un ocio ae boce e uno anca ae done soto e doce

Inpisso naltra, bevo bira e sto al’onbra

Vardo el mucio dea sabia che me par na tonba

Penso a quando iero xovane, rameno a dentiera

Co 3 carte da mie fumavo a setimana intiera

 

 

Ara che no se poe mia stare sensa e ciche, seto?

Ara che te podarissi ‘ndare via de testa!

Ea xente va via de testa se no te ghe passi na cica!

Via de testa! Zio canea…

Ombre [Feat. Roy Paci]

 

 

Ara che facia… areo!

Che testa… el ga parchejà el debito! Ah ah!

El machinon davanti el bar, areo! El ga na testa…

Gnanca i sorxi… vardeo!

 

~ Rit. ~

Ombre, graspe, vin sensa limite

Birini, spriss e bibite, pausa

A roba riva oltre, speta, naltro par de

Ombre, graspe, vin sensa limite

Birini, spriss e bibite,

A roba riva oltre, desso no, speta

 

Te vedo spento, stuà

Te sento co tira el vento tanto che te spussa el fià

Ah! Scusa, no go da accendere, no fumo

El xe rivà al bar par darghe a colpa a qualcuno

So mare cusina el gato, vioensa domestica

El bocia xe rasà e torna casa co na svastica

So nona che bestema, dura de conprendonio

Na pension xogà al loto e prega Sant’Antonio

Gazeta, capucino al bar ogni matina

In cantiere se parla? Sì, del cùeo dea veina

Te ridi? Casso, te grati e te vinsi un euro

Doman, pare vero, no te finissi in neuro

Ma finisse a corteo co chi ghe ponta el deo

E se ponta el deo senpre su queo

E co se alsa eà voxe se alsa anca e sate

So a machina che el ga da finir pagare e rate

 

Lavoro diexe ore, minestra dado Star

Critico el poitico, e fasso risse al bar

So un duro, go el sarveo da video poker

Meso leso xa da xovane co me faxevo a popper

Desso, go na rabia dosso che no te digo

So nervoxo, e pianxo anca quando verxo el frigo

Crisi? Frega un casso! Go da ‘ndare a Sharm

Fasso a spesa al discount e pago a rate, zio can!

Senti che roba, bevi anca questa

Chi roba xe fora, ti pa na piuma i te aresta

Te sogni e maedissi questi e chealtri

Che sbraita dai scragni e serca figa ai party

Resta a boca verta, che desso riva el beo

Te ghe votà par questo e anca par queo

Bevi na bireta, eà sentito eà voxeta?

Xe Equitalia che te assa e notifiche in casseta

 

Ogni jornu ca passa iu sentu sempri i soliti discussi da genti

Ca parra e dici ca nunn’avi nenti

Ca nun pò chiù accattari mancu un pezzu di salame

Annunca ora su chini di debiti

Ma tu c’aspetti ca ti casca la manna do celu

Si tu c’arriri picchì uora ta fattu lu stereo

Tu cà rispunni senza senzu a tutti i me cunsigghi

Oh frati mio fosse megghiu t’aripigghi, sai?

Nasci, campi, mori

Se tu nun fai na minchia na stu munnu cu to fa fari chiù a campari?

Allura studia, travagghia e pensa

E se ci metti a musica fosse puru ti scummogghia la coscienza

Uora tu c’ha finiri mbare, lassali stari a chiddi

Ca ti promettunu ricchizzi senza fari nenti

Datti na mossa, pigghia curaggiu, ‘mpocu i pazzia

Picchi sta vita ca t’arresta nun t’aspetta! Sent’ammia…

Naltra Venessia [Feat. Sir Oliver Skardy]

 

 

Questa qua xe a nostra su Venessia

Herman Medrano e Sir Oliver Skardy

Naltro punto de vista, naltro modo de vedare e robe… scolta ciò!

 

~ Rit. ~

Venessia ponti e sospiri, dai mori ai emiri

Venessia ga na storia ovunque te te giri

Naltra Venessia, naltra roba che no se conta

Naltra storia, naltra Venessia quea sconta

 

Venessia, co chel umido che te se taca ai ossi

Venessia, vento fredo che rodoea i scartossi

Venessia de l’arte e patria del coeonbo

Lo sa tuto el mondo, lentamente va a fondo

Venessia, tuti a pié o tuti in vaporeto

Quasi tuti uguai, dal rico al poareto

Venessia giaponese, Venessia in pulman che va fare e spese

Venessia, do you speak inglese?

Venessia se consuma, ciari de luna

Venessia sta in pié pa un colpo de fortuna

Venessia che se svoda, e i xovani va via

Resta i veci e i richi de prima categoria

Venessia dei ponti che mancava, dei canai che se scava

Venessia se alaga e se alagava

Venessia dà in afito, Venessia mericani

Xe colpa de turisti e dei sa morti cani

 

Venessia bienae, Venessia carnevae

Venessia anca de quei che te pissa xo in cae

Venessia, studenti nee stanse, un osteo pa e vacanse

E i parenti a Santa Marta co e naranse

Venessia, comercianti che pianxe senpre el morto

Venessia dee crocere ma sensa un vero porto

Venessia abusiva, venessiani che te speta in riva

Fermi tuti, spriss co l’oliva

Venessia, feste in maschera, romantica e ladra

Venessia e i venessiani che comunque no se inquadra

Venessia xe calcio che no i fa rivare in alto

Venessia xe Rialto, Venessia antico smalto

Venessia, bancaree che tanti fa magnare

Venessia dee maree che no se poe fermare

Venessia xe afari pa i furbi e pa i scaltri

Venessia maedisse senpre i morti… dei altri

 

Pan e vin, pan e pesse, pan e anara

Gran signori tuti soto a teecamera

Parché in canpo gira malcostume

I antenini te misura anca el voeume

No se canta, no se baea, no se sona

Perde tenpo chi va in batua de mona

I venessiani xe tornai casti e puri

Dopo che i se ga venduo anca el sal petà sui muri

Chi ga tuto e quei che resta co e voge

Ghe xe quei che rinpianxe el doge

Quei che crede de esser ‘ncora nel setessento

De giorno xe na fabrica de note un convento

 

Venessia xe de tuti, no xe mai sta nostra

Ga pi de mie ani, ma no li dimostra

Passando dai casini ai casinò al cloroformio

Rivando dal barocco al rococò a Campoformio

Oooh [Feat. Manu PHL]

 

 

Go provà in tuti i modi stare in regoea

In tuti i modi fare queo che i me ga dito

Mi ghe go provà… Vara, ghe go messo tuta a bona voeontà

Ma stare sito… Vara, stare sito fasso fadiga

 

~ Rit. ~

Oooh! No so bon de stare sito

No so se fasso ben, pal momento rigo drito

A mi i me ga dito fare ben e fare puito

A ti i te ga dito fare ben e fare puito

 

Se no esploro a sto modo esplodo, ghe sboro

No me movo né par sfogo né par xogo

Esondo, conpongo in modo stronso

Me espongo, grondo tuto el me mondo

Nea mente go un pogo, un ingorgo, mosso da un ricordo

Me incamino so sto troxo e ingordo

Vardo torno, vago torno, vango dentro

Viajo interno, vado fondo e no vanso tenpo

Pa idioti finti furbi, no stago pi co tuti

Co responsabiità assunte sensa i contributi

Fumé pure come turchi, ridì come bauchi

Ciaveve a patente e guideve un Sulki

Va che roba, cossa xe sta roba, chi te sprona?

Va de moda chi che xoga o fa el mona?

No so se so el to tipo, comunque no me missio

Mi no so, ma Cristo, de colpo so a l’inissio!

 

Frega sega a me se mi dìano “ti ‘eti?”

O vando fanno certe predie da preti

Di sta’ bonino un po’ poìno si po’ ffa’

Ma mi girano a dumila vindi giù, fammi anta’

Co tutti i grattaapi ‘e mi ritrovo

Oooh! Vì si svarvola, rap varvola di sfogo

M’han detto “fa’ a modo!” ma se ‘un m’esprimo moio

E ‘un m’accontento mìa ma boia dé se godo

Vando penzo fa ‘onto lo fo ‘n rima

Da quando avevo i frignoli e provavo giù in cantina

A oggi che c’ho da pagà luce, gasse e tasse

Ma sentilo ‘ome sfoo vando vengo dalle ‘asse

Bada ganzo, ansiolitio perenne

Per M-A-N-U-P-H-L

è rap nini, ‘un parlo mìa a bischero sciorto

Tu pensala ‘ome vòi, a me mi garba ma di mórto

 

Tegno, purtropo, parché un poco me so sciolto

Dopo croeo de colpo par chel massa me scolto

No so bon de stare sconto né de fare el finto tonto

No so bon de fare el bon co chi xe bon ma xe onto

E de far ben co un scopo che ancora no conosso

Stare ben col paradosso che altri fassa queo che posso

I testi xe congeniai, ma comunico a dei geni tai

Che xe tut’altro che geniai, me se taca ai genitai

 

 

«Fare ben e fare puito, i me ga dito…»

«Fare tuto e fare anca presto! Anca… sè!»

«Manu, ma come se fa a sentire serti discorsi? Come??»

«Eh, c’ho provato a quietammi… ‘un mi riesce mìa!»

Sito fora [Feat. Natalino Balasso]

 

 

Una notissia sensazionale! Vi abbiamo anticipato ieri che Gigi Battistacci aveva deciso di cambiare il mondo e l’ha fatto!

Ieri, il Battistacci, si è recato in gabina elettorale e ha votato un partito! Incredibile, ora le cose cambieranno sicuramente!

Nel frattempo, il Battistacci, è rientrato nel suo bilocale, ha chiesto alla moglie di preparargli la carbonara e si è seduto sul divano a guardare Maria De Filippi!

Passiamo alle notissie di sport. Una notissia sensassionale! Pare che anche quest’anno c’è una squadra che vince il campionato… incredibile!

~

Sito fora? Ouh! Sè!

 

~ Rit. ~

Quando tuto va a fogo e no te o vedi ancora

Quando tuto xe brusà eora te te ciami fora

No digo, sito fora?

Dove vivito? Sito fora?

 

Notissie ecessionai, pagine de speciai

Giornaisti malpagai, giornai de industriai

Ma a xente no dise gnente e mi so preocupà

Chi fa inchieste qua fa cariera da dixocupà

Ormai da un fià de istà passo manco tenpo al bar

Se i discorsi che se fa no ne go necessità

Mi me bevo ogni amaro co un nome divertente

Minchia signor tenente, me ciavo anca a patente

Squadre e conpassi tracia e linee de na nova era

Ma te toca ti, baija e betoniera

Ogni proposta bona se scontra co una losca

I voe fare e linee dea strada co l’UniPosca

Varda, sta xente furba mi no me disturba

Furba, come chi mete a frecia pa fare a curva

Xe tuto dee banche, oramai xe semidei

I ne devasta el mondo nel nome dei schei

 

Ghe xe i autori locai, libri a scafai

Ma i pi getonai xe de cuxina o xe i xai

Ma a xente no lexe gnente, no sa gnanca i titoi

Ansi chi se informa passa da ridicoi

E mi da un fià de istà me so ben organixà

I discorsi se farà co chi le robe le sa

No i baeordi, finti interessai a sti discorsi

Da na recia ingordi e da chealtra sordi

Chi fa i salti mortai, vardài da incravatài

Da drio na vetrata fin che i scarega bancai

Desperai, armai come i film che i fa in America

Giustissia personae? Qualcuno qua ghe medita

Coscense de catrame, incisivi come lame

Te ghe verxi a camixa, te poi vedere e squame

Questi xe pieni che i se sfonda

Ghe dago un euro ma gheo tiro co a fionda

 

Lo sentito el caldo, dime, lo sentito?

Questo xe caldo denso, dime, lo vedito?

Xe un brivido sto caldo, un fremito

Xe drio bruxarse tuto qua, come lo evito?

Cacia ae streghe, qua i serca beghe

Go da sercare fra e pieghe pa trovare seghe

Robe pa i poemici, anbienti academici

Governi tecnici che te dise: credici!

Sto paese ga regoe e co ti xe inflessibii

Iori e i to simii si ben distinguibii

Soto come Verne o in alto come Messner

No xe question de Schengen, xe che no xe pronte e teste

Un mondo de info anacquae che fa schifo

Gerontocrassia co pi voja de na ninfo

I titubanti varda indrio e mai vanti

Questa xe a benxina, e sti qua xe i fuminanti

Su e man [Feat. Dellino Farmer]

 

 

Ehi, lo fasso… o no?

Sì sì, lo fasso, lo fasso. Uuh, come che lo fasso… anca massa che lo fasso!

Par tuti quanti quei che fa, par tuti quanti quei che ghe mete calcossa de suo…

Anca massa… sì, anca massa dee volte! Eh, dee volte te ghe meti anca massa!

 

~ Rit. ~

Su e man! Vojo vedere e man

Se anca ti te fe e te ghe meti l’anima

Pa tuti quei che fa, su e man!

Se anca ti te lavi e resta nero el sugaman

 

No lo fasso par sfissio, o par vissio

Go ben altro da fare, vai col lissio

Fasso par sfissio un lavoro inpiegatissio

Lo fasso ben come ben digo “pissio!”

Lo fasso da storto, mi so senpre pronto

Lo fasso sporco, dime porco o dime onto

Sensa alcun rimorso suono distorto

Fasso el dopio e senpre soto come un conto in rosso

Robe svelte, go sberle scelte

E co serve te se da chi averle a man verte

Lo fasso, go el fuego, no me fermo e no me piego

Se teo spiego no te nego che no xe che ego

Lo fasso e no me basta, massa carta strassa

Fata una e fata naltra canto e no me passa

Lo fasso comunque e co l’uso che ne fasso

Chiunque conosse sto muso da casso

 

D come Dellino, vegnè de prepótensa

Se tìre so le man con dè Medrano pótensa

Se ciàpe mia stè roba giuro che vò n’astinènsa

Cùmincia a dàm la man che vambièm a fa conosciènsa

So che le manìne levigade come lame

An giro storie strane, republic of banane

Tè parle ciàr e nèt: nel me ghèt no fighècc’

Il film che ti propongo è artigianale alla Jack Black!

Fisso in freesta fresca la me stòria

Dello lùmbard de mansòniana memòria

Ma dè manovalansa col durone dè nà spàna

Ma la me stòria avansa e la rìa semper piò lontana

Te sta n’campana, me fo la me vìta

Strenze tra le dita, lapis o matita

Gita! Ne lu stivale de l’Italia

El ma calsà come n’guànt se tegne so le man per aria!

 

Lo fasso come minimo go dubi de continuo

E proprio par queo se i me manca me ne insinuo

Lo fasso da senpre par me stesso

Lo fasso streto e so messo che lo fasso e me stresso

Lo fasso par mi, ma pensando che ti

Te podessi lo farìssi pi carogna de cussì

E lo fasso credendo che te sapi capire

Che lo fasso savendo che no te poi capire

 

 

«Ohi Herman! Mi go sempre el brut viss de essar sgagnà le onge dei dich… e dopo i ma fa mal, ma fa mal a po le man!»

«Ah te credo!»

«Conosse mia na brava estetica che, so mia, la me fa na bela manicure?»

«Ma me gheto visto?? Mi no go mai visto na estetica in vita mia, casso!»

«Presente le more sui dich…?»

«Eh, go presente sì… prova co a carta vetrata grana da 20, va eà!»

«Aah forse ta disarò che secondo me le mei la mola del’oficina…»

«Brao!»

Extra extra

 

 

Extra extra! Roba… ohh!

Roba oltre, sì… extra extra, uhh! Sì sì!

 

~ Rit. ~

Extra extra, ma no sento roba nova

Questa xe na paestra, ma i xe tuti in posa

Extra extra, serta roba no se scolta

Me va ben na volta, ma sta xente xe sconvolta

 

Mi lo fasso classico, rap più che caustico

Te casca i maroni? Meti rinforso a l’elastico

Ancora qua, Medrano xe tornà co e Simie

E robe xe canbià, ma sti qua: xe inpossibie!

Distante dae to pare, te ciapi do peade

No me fido dee cassade come de l’asso de spade

Sesto senso, vedo salme, no posso pi fidarme

Trema e ganbe, parecia el frigo pa eà carne

Massa xe massa e massa massa stupidi

Amassa dati utii pa farne usi futii

Ossession de chi varda ancora el cartein

E ocasion par mi xe rimanense a magaxin

Teatro de conparse par scanarse e mostrarse

Perso el senso de l’arte toca scoltarse robe marse

Ste qua xe ciacoe pa i sordi

Trapoe pa i sorxi, par nialtri veci co i ricordi

 

Bella fratello, spacchiamo siamo i king

Abbiam le rime + le fighe + le canne e bella lì

A no te si me fradeo, e gnanca me cujin

Mi te spaco l’iPhone e te ingolfo el motorin

Xe vero, te stresso, ma no te te ridesti

Te svicoi te fe sesti e te te strassarissi e vesti

Te continui co testi piccoi e relativi test ridicoi

Te te stimoi? Testa da testicoi!

Sento l’afa, el fià sol coeo de chi banfa e se strafanta

Sento l’ansia, vedo a bava chi co e onge la che sgranfa

So de verso diverso, no reppo controverso

Reppo controman, fren a man e controsterso

E no fasso de tuto, ma fasso de tuto

Par far sì che tuto no fassa a fine de tuto

Te poi fidarte mai a palpo, ciapo a mira

Te asso balbo, te rabalto e te indrisso el New Era

 

Per l’apuntamento, l’inbanbinamento

Per l’abinamento de l’abigliamento

E resto inpressionà, te fe inpression, te go scoltà

Vodo come na suca co na candea inpissà

L’apripista che conquista na rivista tirando a cinghia

In vista, in lista, artista de sta minchia

Rappers in erba, no ghe xe sfida che i perda

Metà de sti qua xe xa dei pessi de merda

Xe rap par conto mio, metà me ga ridesto drio

Fasso roba a modo mio, me sa che desso i o ga capio

E i altri insemenii, xe restà imatonii

El so bagaglio culturae xe là: ogeti smarii

Scoltavo da sti qua senpre eà soita porcaria

Disevo: un giorno, de sti qua, chissà che se i porta via

E me sa che fra sti qua desso mi ghe xontaria

Tuti quei che fra sti qua ghe mete anca a roba mia

 

Extra extra, no xe robe par distrati

In sti stati no ghe xe cassi e no serve te me ne fassi

No, gnente cassi, no no, gnente cassi

No, gnente cassi, no serve te me ne fassi

Bocia sta al to posto, no xe robe par distrati

In sti stati no ghe xe cassi e no serve te me ne fassi

No, gnente cassi, no no, gnente cassi

No, gnente cassi, no serve te me ne fassi

Mi no so [Feat. Piotta]

 

 

Herman Medrano! Piotta!

Assa stare… qua se trata roba calda!

Se poga in braga curta, maja larga e savata!

 

~ Rit. ~

Mi no so nervoso ma promesse e robe varie

No so se me ga messo a dura prova e coronarie

A posto mai sta, mai sta bon de fare el baro

Me conosse tuti anca el can del pegnataro

 

Mi no so, no so, ma te disi me ne fotto

Fermo sol bancon col teefonin pal televoto

Qua l’oferta no xe scarna, sta roba no t’ingana

Ste rime te se incarna, taja come na Husqvarna

Con Tommaso, cinerama, el quadro a 360

Anca in setimana santa qua se canta pa chi salta

Bei e bruti, vanti tuti, se sfoghemo co do ruti

Go i sinque minuti, ogni sinque minuti

Insieme a Ermanno non ci avranno, fanno finta che non sanno

Loro fanno e disfanno… dico morte al tiranno!

E se un giorno ci diranno noi risponderemo: no!

Reggae, roots, ska, rock, rap, sud, nord

Mandi mandi o ce li manni, mani in cielo se rimani

Canto tutti i cori alpini dalla grappa fino al Piave

Sarà il fatto che sto fatto, spritzzo alcol da ogni poro

Bevo più dei Dogo, faccio il vago e poi non pago e scatta il pogo!

 

Sàra tuti! Sàra i casoini e chi parecia e biciclete

Ga sarà i sarti e i artigiani messi ae strete

Sàra i cinema porno e ostarie col vin a seci

E ciese sensa prete, ma no sàra i bar co i veci

Ghe xe posti pa i figheti, simiteri pa i discorsi

E dopo pochi sorsi dai biceri i xe rimorsi

Becarie e farmacie dentro nei supermercati

Piasse nei supermercati, vite da supermati

 

Vomito di tutto quando scatta il pogo

Il bar è tutto nostro, il Veneto è nel gioco

Paletta, patente, test: sbotto!

Stasera dormo a casa tua oppure faccio il botto

Vomito di brutto quando scatta il pogo

Il bar è tutto nostro, il Veneto è muy loco

Paletta, patente, test: sbotto!

Stasera guida tu che al volante faccio il botto

Qualcuno xe inbriago, no ghe voe un mago

El toso xe un fià alto, ormai el xe Asiago

Dopo un par de graspe, roba verde tipo drago

Dopo l’ultimo salto ormai ghe xe un lago

No xe musica da baeo o da sbaeo, sta al paeo

Dopara el sarveo fin che no te fe el caeo

So ste condission da gara mi ghe asso el posto

Sta situassion xe ciara come el mosto

 

 

Mandi mandi! Piotta! Herman Medrano!

Piotta senza er, per gli amici Tommaso!

Il pop è racca, robba che spacca, Medrano e Piotta, senti che botta!

Ogni finto

 

 

Fare finta de no fare finta…

Fin no fare finta, de no fare finta…

 

~ Rit. ~

Come quando? Come ogni volta

Che te pensi che sia fassie tegnere a roba sconta

Come quando te vorissi agire d’istinto

Come quando te agissi faxendo el finto

~

Finto come i corsi de agiornamento

Finto come rivo fra un momento

Finto come a sigareta eletronica

Finto come na bira analcoica

~

Finto come el paruchin co a laca

Finto come l’onestà de na banca

Finto come na promessa dea poitica

Come l’enorme fame chimica

~

Finto come i sconti del concessionario

Finto come i reportage del notiziario

Finto come un piatto pronto genuino

Come l’Italia pizza mandolino

 

Come quando che to pare te ga sgamà fumà

Te tornavi dal parcheto co i oci crepà

Te ghe el fià inpestà che scrosta e ringhiere

Giurando che te si sta costreto a bere

Come quando ai 110 i te ga fermà

E ti te ghe negà: el motorin no xe trucà!

Butà a pessegato co a missea fata in casa

Benxina, oio, acetone, graspa e acquaraxa

Come come, el prete xe in sogiorno

Benedisse a casa mentre ti te vardi un porno

Te o vardi, el te varda, nissuno dixe gnente

Tira i schei, arivederci, vanti come senpre

Come quando in ascensore co l’aria da malaria

Fra el stupore dee signore ti te vardi pararia

E ogni volta che in pissina te si fermo a l’angoeto

Te se lexe in facia co te fe el pisseto

 

Come quando te vedi una e te pensi: che figa!

E te pensi anca queo che no te pensarissi miga

Che xe quando che te pensi: mi, questa me a faria

Pensieri maedeti che co na man te i pari via

Come quando ea parla e te fe de si co a testa

Te jeri ipnotixà, te ghe vardavi a sesta

E co ea fa si co a testa e te credi sia venua?

El mona te si ti, che te ste co una crua

Come come? Apuntamento tuto in tiro

Co na machina a noejo che no ga gnanca l’emiro

A toea te fe el figo co xe ora de magnare

E par pagare? Tuto in conto a to pare

Come quando ea lo sa, che tanto no lo farà

E in bar te ghe contà robe che ne ga sbiancà

Te o ghe visto so un sito che i amighi te ga dito

Come se menarse a broca fosse deventà un deito

 

Come quando che ti, tranquio nel to mondo

Te te sveji proprio quando tuto va fondo

E te te incassi anca, ofeso e irità

Parché xe massa tardi e nissun te ga ciamà

Come quando tuti conta proprio su de ti

Varda caso co un inpegno proprio par ch’el dì

E chea volta l’ano che te ghe na idea bona

No a xe gnanca tua, ma de to nona co svariona

Come come? Un corso de uncineto estremo?

Tremo parché temo che te sferi un ciufo emo

Ogni roba no va ben, no te te toi a briga

Se no xe al neto, ben pagà e sensa far fadiga

Come quando i serca personae pa na fabrica

Xe mesi che te si casa ma ti te ghe na laurea

E in ritardo mostruoso el primo giorno de lavoro

Al paron te ghe rispondi: ta sboro!

Fantasmi [Bouns track per iTunes]

 

 

~ Rit. ~

Fantasmi, benvenuto fra chi spreca tempo e se ne vanta

Fantasmi, dove na idea bona no ga mai nessuni che la pianta

 

El xe el ritorno enesimo dea roba inedita, medita

So chi specula so na replica identica e patetica

E xe persone disinvolte ma mi no me spinxo oltre

So sta coltre fasso svolte, evitando e buxe sconte

Patria, poitica, reijon, alibi

Animi pavidi, paliativi e riti aridi

Pa chi me schifa e chi me tifa, porto nova linfa

Te acidifica na vita asfitica e pien de fifa

Tera dura te rovina, pien de pache sora a schina

Mi no viajo in prima, in retro quando rivo in rima

Sensa preanbolo, robe drite e no te imbanbolo

Col cavolo, no lo fasso par spetacolo e no bagolo

Ultimo round, utente da discount

Un spetro semena comenti da uno dei so 700 account

Fantasmi in rete, el peso demente col peso demente

So xa che sta roba fadiga sentirla tre quarti de chi la sente

No ghe stago, sbando, pensieri sensa scanpo

Se asso che i ruma da dentro finisse che eori me ciava in un lanpo

E in fin dei conti no se conta i morti xa sepolti

Feri corti? Co chi ga a merda in testa come i folpi?

 

Tenpi bastardi, te ciapi i lanpi, te tachi l’anpli e vanti

Te tenti tirando tardi, come tanti e chissà quanti

Cavemo el mejo sensa truchi assurdi e sensa dubi

Te vardemo fin che semo curvi, ma te disturbi

Verso versi in diexe minuti de rabia, massa poco

Canbio idea in pexo pena li ripeso poco dopo

Na setimana dopo no penso gnanca de averli stesi

Pensa dopo mesi, li spiego a dei mesi cerebrolesi

Montanari, marinanti, canpagnoi, borghesoti

A San Paganin come a San Silvestro pieni i goti e femo i boti

Tenpo zero, parchè tenpo non ghe nemo, semo

Te menemo in giro o ‘ndemo soitari come Nemo

Me da paxe, lexare e no taxere, poe no piaxare

Verxare nove strade xe un piassere sensa un arxere

Me meto in moto e ris-cio, na panchina come uficio

Parlo anca co chi che no ga el fià da dentifricio

Co chi ga visto strade e ga ciapà peade

Dove libertà xe na preson co l’oro ae grate e no se evade

Dove el dispresso senpre pi spesso xe par calcossa de diverso

Dove essere un fantasma ga un so casso de presso!


Dove acquistarlo

Ovviamente trovi Noseconossemo a tutti i nostri concerti… ma anche in tutta Italia, presso i punti vendita Feltrinelli, Ricordi e Media World, nei negozi del circuito Audioglobe (vedi qui l’elenco dettagliato), in particolare nei seguenti negozi in Veneto:

Bassano – Dischiponte (Via Angarano, 9 – 0424 503834 – info@dischiponte.com)

Vicenza – Saxophone (Viale Roma, 22 – 0444 546776)

Lonigo – Exagon (Via Pontedera Giacomo, 9 – 0444 830772)

Schio – Discovery (Galleria Conte, 6 – 0445 523985 – discovery.dchio.9@facebook.com)

Thiene – Il Discolo (Via Trieste, 31 – 0445 366866 – ildiscolothiene@interfree.it)

Padova – Green Records (Piazza De Gasperi, 9 – 049 3006372 – mailing@green-records.it)

Cittadella – Discoteca Cittadellese (Piazza Martiri Del Grappa – 049 9401442)

Treviso – Indie (Via Inferiore, 31 – 320 3051062)

Conegliano – Junglerecords (Viale Matteotti, 31 – 0438 410746 – jungle@jungle.it)

Vittorio Veneto – Maxvideo (Viale Rizzera, 134 – 0438 555583

Castelfranco Veneto – De Santi (Piazza Marconi, 1 – 0423 492743 – desantisnc@gmail.com)

Montebelluna – Bg Music (Vis S. Pellico, 38/B – 0423 300377 – lisi@bgsrl.it)